Ecco come rigenerarsi in vacanza e ritrovare le energie perdute

Ecco come rigenerarsi in vacanza e ritrovare le energie perdute
L’estate è il momento dell’anno in cui, la maggior parte delle persone, stacca la spina e si concede le sospirate vacanze, nella speranza di riposarsi e recuperare le energie fisiche e mentali. 
Sebbene esse rappresentino un momento indispensabile per chiunque, spesso non vengono sfruttate come si potrebbe, vengono precedute da periodi di grande stress legati ai preparativi e non vissute totalmente per la difficoltà a staccare dal lavoro completamente.
Cosa fare allora per trasformare le nostre vacanze in un vero investimento per la nostra vita personale e professionale?
Il primo consiglio e’ quello di puntare sull’organizzazione.
Pianificate attentamente le attività lavorative da svolgere nelle settimane che procedono la partenza e fate in modo di lasciare l’ultima settimana piuttosto libera in modo da poterla dedicare solo ad attività urgenti ed imprevisti.
Pianificate con cura anche la settimana successiva al vostro rientro. Suggerisco di stilare un vero e proprio memorandum, un promemoria contenente tutte le attività da svolgere al rientro, da lasciare sulla vostra scrivania. Con questo piccolo accorgimento, alleggerirete il cervello, liberandolo dalle cose da tenere a mente e soprattutto eviterete di ripetervi durante le vostre vacanze, la fatidica frase “quando torno devo ricordarmi di ...”
Impareremo a svuotare così il contenuto della nostra mente su altri supporti, una strategia che ci sarà utile anche durante l’anno.
Il secondo consiglio e’ quello di disconnettervi, di disintossicarvi da tutti gli apparati elettronici, staccate letteralmente la spina. Credete di non farcela? Provate allora a farlo per qualche ora al giorno, in quel tempo evitate di leggere mail, messaggi, whatsapp di lavoro o se proprio non riuscite limitate al minimo (1 ora), queste attività. 
Ricordatevi che portarvi il lavoro in vacanza alla fine si rivela contro producente. Le migliori idee nascono sempre da menti riposate e creative, e le vacanze rappresentano una straordinaria occasione per ritrovare quelle energie fisiche e mentali, che al nostro rientro farannoindividuare inaspettate soluzioni e scoprire nuove risorse.
Il consiglio più importante però è quello di mettere in valigia qualcosa diverso, qualcosa in più quest’anno. Partiamo con l’obiettivo di dedicare le vacanze a noi stessi, alla nostra cura. Dedichiamo questo tempo alla cura del nostro corpo, alla conoscenza di noi stessi, alla crescita personale. 
Qualche suggerimento pratico? In primis rigenerate il vostro corpo:
  • mangiate meglio e ad orari regolari, magari dedicando più tempo a quei pasti che generalmente consumate di corsa o saltate del tutto.
  • Fate un minimo di attività fisica: passeggiate, nuotate, giocate in spiaggia con i vostri figli. Possibilmente svolgere queste attività all’aria aperta. Ristabilire il contatto con la natura esterna in qualche modo aiuta anche a riconnettersi a quella interiore. 
  • Dedicate del tempo a curare la vostra pelle, a rientrare in contatto con il vostro corpo. Un’attività molto semplice ma utilissima per farlo è quella di spalmarvi una crema idratante su tutto il corpo dopo la doccia per esempio.
  • Toglietevi l’orologio, alleato e nemico nella vita di tutti i giorni. Il farlo vi aiuterà a ritrovare il vostro tempo interiore.
  • Si al riposo, dormite più a lungo, concedetevi dei riposini pomeridiani ma evitate di oziare.
  • Socializzate, non isolatevi ma ricavatevi anche degli spazi che siano solo vostri, da impiegare per svolgere quelle attività che vi nutrono dentro, vi ricaricano, generando entusiasmo. Per individuarle poniamoci una semplice domanda : “ qual’e quell’attività che quando la svolgo mi fa volare il tempo? “ ecco dedicatevi a quella, ad un hobby, una nuova passione, fate nuove esperienze o quanto meno assicuratevi di fare ciò che vi fa sentire veramente bene.
L’importante è immergersi completamente in queste attività, allenandosi ad essere presenti a voi stessi , nel “qui ed ora”. Osservatevi mentre svolgete queste azioni, sentitevi, cercate di intercettare le emozioni che esse suscitano in voi. 
Con tutti questi piccoli accorgimenti vedrete che il rientro a lavoro non sarà più una partenza in salita, ma vi troverà ricaricati e motivati.
Se vi è piaciuto questo articolo, mettete un like e condividetelo con i vostri amici.